La coerenza morale

Cosa vuol dire essere coerenti?
Ultimamente mi sono posta spesso questa domanda.

Mi sono resa conto che una persona davvero coerente con gli altri, ma in primis con sé stessa, è un essere raro.

"Vi dovrebbe essere, in generale, conformità tra le proprie convinzioni e l'agire pratico".
Questa è la definizione di coerenza da dizionario.

C'è chi vede la coerenza  un difetto, come Oscar Wilde:

"La coerenza è l’ultimo rifugio delle persone prive d’immaginazione".

Chi invece la percepisce una dote, come Sir Francis Bacon:

"La coerenza è il fondamento della virtù".

L'incoerente si difende del proprio operato basandosi sulla legittimità di cambiare idea ed opinione, come e quando vuole.

Verissimo, ma questo vale anche per le persone coerenti, che non per questo non modificano mai il proprio pensiero ed operato.

Vi è una sfumatura, che fa la differenza.
Non è facile essere coerenti, è un gran lavoro.
Non credo che chi non lo è...sia solo una persona false o superficiale.
Io credo invece che si tratti più di personalità minata da alcune celate debolezze, incapace di gestire, sinceramente ed onestamente, i propri rivisitati pensieri e conseguenti nuove azioni, senza preoccuparsi di nulla, se non di sé stesso.

E' bellissimo cambiare idea, farsene di nuove.
Io amo i cambiamenti di testa, di look, di vita.

Esistono però i cambiamenti coerenti.
Ed io sono più per questo sorta di "ossimoro".

Alla prossima.

Tiziana

(foto da web)





Commenti

  1. Risposte
    1. mi fa piacere Sara!
      Ogni tanto me ne esco con questo genere di post riflessione! :)))
      Bacio e grazie!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per il tuo tempo

Post più popolari