Passa ai contenuti principali

#pilloledigioia: new collaborescion

Buongiorno abitanti della blogsfera!

E' con immenso piacere che vi parlo di questa  nuova, entusiasmante ed impegnativa collaborazione!

CON ME STESSA!

Sono stata contattata dalla "ME POSITIVA", che mi ha proposto un progetto a cui non ho potuto dire NO!!!
E quando questa mia parte esce fuori e prende il sopravvento...il mio mondo si riempie di  BELTA'.

La tentazione di essere "decisamente" felice, diventa un "corso", non un semplice percorso, viaggio, meta o traguardo.

In questi giorni ho scoperto quanto sia più colorata la mia quotidianità se aggiungo alle mie ore...un pizzico di GIOIA.

Che cos'è la GIOIA?
Voi, come la definireste?
Un sentimento, un'emozione, una sensazione, uno stato d'animo o una conquista.

Il Prof. Andreoli nel suo ultimo libro "La gioia di vivere" scrive:

La gioia la si fa. 
La si costruisce su misura di ciascun uomo e di ciascuna esistenza.
Il tempo della gioia è quello in cui si guarda in faccia il presente.

Ho deciso così di condividere qui delle mie #pilloledigioia.

Tutte azioni semplicissime, impreziosite però da un approccio mentale completamente diverso.
Gioioso appunto.

Un nuovo spirito, che mi dona serenità e mi trasmette voglia di "fare e migliorarmi" a partire dalle piccole cose, agli occhi di altri forse anche scontate.

Iniziamo dalla cucina!

Sabato sera Maria ha deciso di prendere una mia raccolta di cucina e portarla nella sua area giochi!
Per caso, nel rimettere in ordine, mio marito ha trovato questa ricetta gustosa e veloce!
Me l'ha letta per poi esclamare..."la facciamo una sera!"

 "Una sera" spesso viene rimandata senza data di scadenza.

Così, ho voluta provarla domenica per cena: panzerotti ripieni con zucchine, formaggio e prosciutto cotto.

Ho comprato la pasta sfoglia di Vallè e con una formina ho fatto dei cerchi.
In padella ho messo olio, scalogno, zucchine e sale (2 medio-grandi).
Le ho fatte cuocere per 10/15 minuti a fuoco moderato.
Poi ho aggiunto l'Emmenthal Svizzero ed il prosciutto cotto a dadini (ho provato per la prima volta i "coriandoli" di Ferrarini...buoni e comodi da tenere in frigo).
Ho lasciato insaporire il tutto per altri 5 minuti e poi ho spento e coperto.
Nel frattempo ho acceso il forno a 200 gradi  - statico.
Ho suddiviso il preparato nei cerchi (7 in tutto).

Li ho chiusi, prima facendo pressione con le mani e poi aiutandomi con una forchetta.
Prima di infornare la teglia, ho bagnato i panzerotti con del latte.
Aggiunto solo un filo di olio.




Sono stati in forno 20 minuti.
Una volta cotti, abbiamo aspettato un po' prima di mangiarli.
Li ho lasciati raffreddare su una delle mie alzatine preferite!




Buonissimi!
Ce li siamo mangiati con tanta GIOIA!

Vi è piaciuta questa ricettina?

Non vi perdete le mie prossime #pilloledigioia

Buon pranzo!

Tiziana

Commenti

  1. Risposte
    1. Grazie Sara!
      Un piccolo progetto/promessa/buone intenzioni...queste mie #pilloledigioia
      Un bacione e grazie per il messaggio, sei sempre presente!
      Tiziana

      Elimina

Posta un commento

Grazie per il tuo tempo

Post popolari in questo blog

The Truman Show 3.0

In questi giorni mi è venuta voglia di rivedere il film "The Truman show", è  del 1998 diretto da Peter Weir e interpretato da Jim Carrey.

Ispirato alla moda allora nascente (in America) di raccontare la vita in TV attraverso i reality show, immaginando una situazione paradossale, portata all'estremo (dalla quale sono nate riflessioni filosofiche ed analisi sociologiche), The Truman Show raccontava, grazie ad una  trasmissione in diretta continua la vita di un uomo, appunto Truman.


Ve lo ricordate?

Nel 2016 siamo ben oltre il fenomeno Reality Show, ma alcune dinamiche di questa pellicola le sento ancora più attuali, per questo voglio rivederlo.

Oggi nel mondo dei social l’asticella di cosa è accettabile in termini di privacy si è alzata, oltre Facebook che ha davvero rivoluzionato il mondo ed il modo di relazionarsi degli esseri umani, esistono diverse app che ci consentono di condividere le nostre vite IN DIRETTA, attraverso un mezzo che ormai abbiamo tutti, il nostro …

Entusiasmo terapia

Mi sono imbattuta in un articolo su Natural Style di Barbara Majnoni. Titolo: L'entusiasmo fa brillare la tua vita. Ultimamente si sente molto parlare di felicità, di ricerca di un equilibrio felice, di attimi di gioia! "L'entusiasmo è quello sprint, quel frizzico di energia che ti spinge ad affrontare tutto con forza, fiducia e ottimismo. Un moto spontaneo che si traduce in voglia di fare, ricerca del piacere, maggiore creatività e produttività. A volte ne sei carica, come i bambini. Ma quando si spegne tutto sembra più triste". La parola entusiasmo deriva dal greco e significa: il dio dentro (en: dentro e thèos: dio).
Gli psicologi si accorgono del successo della terapia quando i pazienti lo ritrovano.
L'entusiasmo potrebbe essere definito come sinonimo di gioia, ma con un qualcosa in più: la fiducia. Ci fa affrontare le vicende, fiduciosi che le cose che faremo ci daranno piacere...quindi andranno bene.
Ma per deduzione è vero anche il contrario. L'entusias…

Una coccola serale: il cuscino Svedese

E' da tempo che volevo acquistare una borsa d'acqua calda.
Durante l'inverno l'idea di utilizzarla mi sembrava molto hygge! ;)

Inoltre la mia operatrice shiatsu, durante uno dei miei trattamenti, mi ha praticato la moxa, riscaldandomi una parte specifica dietro la schiena, quasi tra le scapole, da lei definita la "porta del vento".
Il piacere è stato immediato.
Ho scoperto che questo punto è per me molto sensibile, tanto che oggi faccio un uso più frequente di una pashmina  per coprirlo.


Quasi per caso ho trovato questa bellissima borsa dell'acqua calda!
Grigia e stellata, direi perfetta!
Inoltre utilizzabile al microonde!
Presa in super offerta!



In verità, ne ho prese due, con fantasie diverse, ma una l'ho regalata! ;)



Una volta tornata a casa, aprendo la confezione, ho scoperto che in questa borsa d'acqua calda non ci va l'acqua!
In effetti sulla confezione c'è scritto che contiene del grano e lavanda, ma non immaginavo che avesse solo …