Passa ai contenuti principali

Chi si accontenta, gode!

Non si fa altro che parlare di FELICITA'.

Articoli, manuali, corsi e workshop sul tema.
Io stessa ho letto e studiato sull'argomento.
Quasi fosse diventata una moda ed invece ti rendi conto che è questione atavica.

Vi ricordate di Epicuro e la sua "Lettera sulla Felicità" a Meneceo?
Letta ai tempi del Liceo ne rimasi colpita.

"Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della Felicità.
A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima"

Inizia così.

Il benessere dell'anima!
Negli ultimi anni mi sono concentrata soprattutto sulla mente e sul corpo, in stretta relazione tra loro tanto da condizionarsi vicendevolmente sia in senso positivo che negativo.

E' ora di tornare a pensare all' Anima, perché è da qui che parte TUTTO.

Mi sono distratta così tanto?
Come è potuto accadere?
E' accaduto.
Punto.






Non aspiro alla Felicità, che percepisco affascinante ma effimera.

Mi piacerebbe smettere di cercare la Felicità e tornare invece ad essere CONTENTA.

Sì, semplicemente così.

La CONTENTEZZA, ritenuta forse la sorella meno nobile della Felicità, è poco considerata e desiderata, in quanto meno esaltante ed euforizzante.

Nel detto "chi si accontenta gode" qualcuno ci legge una resa, IO NO.

Per me è invece segno di consapevolezza e soddisfazione.
E' un lavoro su sé stessi diverso, che richiede un allineamento tra mente, corpo ed anima.
E' un approccio più maturo e razionale ma anche più solido e duraturo.

Ferma la corsa a pretendere sempre di più da sé stessi, dalla vita e dalle persone.
Impariamo ad apprezzare cosa la vita offre, a provare gioia, ad essere appagati e contenti.

Ci riconduce all'essenziale.
A ciò che veramente conta.

Le persone contente raggiungono un certo livello di serenità, nonostante limiti ed imperfezioni, la pace con sé stessi è possibile.
 
 
 
 
 
E' un ragionamento rassicurante, che voglio fare mio.
Come?
Approfitterò delle vacanze per mettermi alla prova.
 
Inizierò mettendo la mente a tacere, cercando il mio SILENZIO interiore.
 
Un RESET emozionale, necessario per ripartire.
 
Mi prenderò cura del mio corpo, nutrendolo in modo sano e gustoso e camminando tutti i giorni.
 
Ho bisogno di stare il più possibile bene fisicamente per non essere stressata dai miei disturbi fisici.
 
Cercherò il "buono" in ogni giorno, anche in quelli che non saranno perfetti.


Bisogna allenarsi anche in questo senso.

Pregherò.


Ritaglierò nelle mie giornate del tempo per farlo, anche solo pochi minuti.

Aprirò gli occhi per guardare altrove, nuovi posti e nuova gente.
Nuovi orizzonti dentro e fuori di me.
Mi metterò in ascolto in silenzio.
 
 
 
 
 


No vedo l'ora.

Buona vacanza a tutti voi, che mi leggete.
Forse pochi, ma di certo speciali.

Un abbraccio, alla prossima.

Tiziana



Commenti

  1. Tiziana che belle parole! Mentre leggevo ho pensato a una frase del Piccolo Principe che dice "l'essenziale è invisibile agli occhi" e come dici tu non è un resa accontentarsi... Ma un grande atto di consapevolezza! Mi piaci tantissimo sai, buone vacanze :-) Fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Federica per il messaggio d il suo contenuto, mi fa sempre molto piacere avere un riscontro su quello scrivo. Accontentarsi, nell'accezione positiva di "essere contento per quello che si è e si ha", può davvero divenire un atto di Fede, cioè di fiducia verso la vita. Buone vacanze anche a te! A presto, Tiziana

      Elimina
  2. Aspetto settembre..aspetto il mese di settembre come un nuovo inizio per me..sarà l'aria,sarà l'azzurro del cielo mai così bello come in questo mese,sarà il sole più forte e meno alto ma settembre è il mese che sento come un nuovo inizio!anch'io ascolterò di più l'anima e cercherò finalmente di nutrirla come merita!ce la faremo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo tempo

Post popolari in questo blog

Meal Prep: un mondo tutto da scoprire e provare

Un mesetto fa, mentre ricercavo on line delle idee da poter copiare per migliorare (impostare da zero) la mia pianificazione della spesa e del menù settimanale, mi sono ritrovata più volta a leggere, soprattutto sui siti stranieri, in particolare Americani, queste due paroline: MEAL PREP.

Incuriosita ho approfondito l'argomento e mi sono lasciata contagiare da un entusiasmo organizzativo.

Cosa vuol dire MEAL PREP.
Cercherò di spiegarla semplicemente: è la preparazione in anticipo di cibo sano, pronto da mangiare per diversi giorni.

Gli strangers arrivano ad organizzare la loro "cambusa" anche per un mese, congelando ovviamente gran parte dei preparati.

Io mi sono limitata ad un massimo di tre giorni.
E devo dire, che ho intenzione di arrivare almeno ad una settimana, congelando qualcosa.

E' stato davvero utilissimo.
Tornare a casa ed avere già il "grosso" fatto mi ha consentito di fare altro e di vivere la preparazione della cena più serenamente, oltre che…

Entusiasmo terapia

Mi sono imbattuta in un articolo su Natural Style di Barbara Majnoni. Titolo: L'entusiasmo fa brillare la tua vita. Ultimamente si sente molto parlare di felicità, di ricerca di un equilibrio felice, di attimi di gioia! "L'entusiasmo è quello sprint, quel frizzico di energia che ti spinge ad affrontare tutto con forza, fiducia e ottimismo. Un moto spontaneo che si traduce in voglia di fare, ricerca del piacere, maggiore creatività e produttività. A volte ne sei carica, come i bambini. Ma quando si spegne tutto sembra più triste". La parola entusiasmo deriva dal greco e significa: il dio dentro (en: dentro e thèos: dio).
Gli psicologi si accorgono del successo della terapia quando i pazienti lo ritrovano.
L'entusiasmo potrebbe essere definito come sinonimo di gioia, ma con un qualcosa in più: la fiducia. Ci fa affrontare le vicende, fiduciosi che le cose che faremo ci daranno piacere...quindi andranno bene.
Ma per deduzione è vero anche il contrario. L'entusias…

The Truman Show 3.0

In questi giorni mi è venuta voglia di rivedere il film "The Truman show", è  del 1998 diretto da Peter Weir e interpretato da Jim Carrey.

Ispirato alla moda allora nascente (in America) di raccontare la vita in TV attraverso i reality show, immaginando una situazione paradossale, portata all'estremo (dalla quale sono nate riflessioni filosofiche ed analisi sociologiche), The Truman Show raccontava, grazie ad una  trasmissione in diretta continua la vita di un uomo, appunto Truman.


Ve lo ricordate?

Nel 2016 siamo ben oltre il fenomeno Reality Show, ma alcune dinamiche di questa pellicola le sento ancora più attuali, per questo voglio rivederlo.

Oggi nel mondo dei social l’asticella di cosa è accettabile in termini di privacy si è alzata, oltre Facebook che ha davvero rivoluzionato il mondo ed il modo di relazionarsi degli esseri umani, esistono diverse app che ci consentono di condividere le nostre vite IN DIRETTA, attraverso un mezzo che ormai abbiamo tutti, il nostro …