Passa ai contenuti principali

Ad Arezzo: Mercatino Tirolese e Casa di Babbo Natale

 

 
Questa estate per il nostro viaggio in auto era prevista inizialmente una sosta ad Arezzo.
Poi per questioni logistiche ci siamo fermati a Ferrara.
Mentre cercavo informazioni su questa città toscana, ho scoperto che da qualche anno tra Novembre e Dicembre qui viene allestito un vero e proprio Villaggio Tirolese e La Casa di babbo Natale.
Così ad Agosto ho deciso che ci sarei andata con la mia famiglia.
 
Sabato scorso siamo partiti, abbiamo scelto per il nostro soggiorno l'Hotel Minerva.
Ottima soluzione, soprattutto per la pulizia, la cortesia, disponibilità e professionalità del personale.
Inoltre il loro ristorante è valido, da provare.
Trovato in super offerta su Expedia.
Non troppo lontano dal centro, che abbiamo provveduto a raggiungere con taxi in pochi minuti.
Trovare un parcheggio vicino alla nostra meta sarebbe stato difficilissimo, (inoltre è piovuto e ha fatto freddo).
Se dovessi tornare ad Arezzo lo risceglierei sicuramente.
 
Arrivati in Piazza Grande siamo stati subito accolti da luci ed atmosfere natalizie.
Il Villaggio Tirolese è piccolino ma davvero grazioso.
Ci sono stand di ogni genere con prodotti tipici.

 
 

Mi è venuta una gran voglia di correre a casa ad addobbarla.



Ho sempre rispettato la tradizione del giorno dell'Immacolata, mi piacerebbe però anticipare, non di molto, ma di qualche giorno così da allestire tutto con calma ed essere pronta per l'8 dicembre.


Avrei fotografato tutto, ogni dettaglio ma poi ho pensato soprattutto a "viverlo".



Ho fatto anche qualche acquisto per me stessa e per la casa.
I prezzi mi sono sembrati onesti, vi sono articoli più commerciali ed altri meno.
Ma messi tutti insieme sono comunque davvero belli da vedere.





Purtroppo per i miei problemi di saluto io non ho potuto mangiare le specialità tirolesi, mio marito sì.


Ma non mi sono demoralizzata troppo, ho comprato un po' di brezel da condividere con i nostri cari.


Una volta tornata a Roma ne ho farcito subito per cena uno con prosciutto cotto e stracchino, insieme ad un po' di verdura.
Ho acquistato anche del pane ai 5 cereali!
Non pentita della scelta ;)


Vi sono tanti dolci, immagino buoni!


La Casa di Babbo Natale è stata una piacevole sorpresa con diversi laboratori per i piccoli.
Maria si è divertita molto: foto con Babbo Natale, Lego, colori, carta e forbici, giochi in legno...in un piccolo mondo a misura di bimbo.
Semplice ma funzionale.
E' stata allestita in uno dei palazzi della Piazza, uscendo si ha tutta la vista del mercatino, compresa la baita dove si può prendere da bere solamente e portare da fuori cibo da gustare in "tavolate sociali".
Una bella atmosfera.





Sono contenta di esserci andata!
E' stato un fine settimana diverso, vissuto tra fantasia e realtà!
Un pratico esercizio per lasciarci andare e per credere ancora alle favole!



Alla prossima!
Tiziana

Commenti

Post popolari in questo blog

Meal Prep: un mondo tutto da scoprire e provare

Un mesetto fa, mentre ricercavo on line delle idee da poter copiare per migliorare (impostare da zero) la mia pianificazione della spesa e del menù settimanale, mi sono ritrovata più volta a leggere, soprattutto sui siti stranieri, in particolare Americani, queste due paroline: MEAL PREP.

Incuriosita ho approfondito l'argomento e mi sono lasciata contagiare da un entusiasmo organizzativo.

Cosa vuol dire MEAL PREP.
Cercherò di spiegarla semplicemente: è la preparazione in anticipo di cibo sano, pronto da mangiare per diversi giorni.

Gli strangers arrivano ad organizzare la loro "cambusa" anche per un mese, congelando ovviamente gran parte dei preparati.

Io mi sono limitata ad un massimo di tre giorni.
E devo dire, che ho intenzione di arrivare almeno ad una settimana, congelando qualcosa.

E' stato davvero utilissimo.
Tornare a casa ed avere già il "grosso" fatto mi ha consentito di fare altro e di vivere la preparazione della cena più serenamente, oltre che…

Amanda Cass: The Art of Love, Life and freedom

Da qualche anno mi sono appassionata di illustrazioni.
Le trovo bellissime!
Un genere che prima non mi aveva mai interessato.

Oggi invece sono sempre alla ricerca di nuovi autori, di nuove immagini e storie.
I social sicuramente mi aiutano, permettendomi di arricchire il mio archivio con costanza.

Così ho deciso di presentarvi qualche artista!

Tra le mie preferite c'è sicuramente Lei... Amanda Cass, un'illustratrice Neozelandese.

La sua è davvero Arte di Amore, Vita e Libertà!
Non entro nella "tecnica" perché non mi compete!
Non sono un'esperta, io scelgo le opere da condividere esclusivamente con la "pancia".

Mi piace perché:

I suoi messaggi sono sempre positivi:



I suoi colori rassicuranti:



Le sue linee leggere:

I suoi "consigli" preziosi:







(foto da WEB)

Io l'adoro!
A voi piace?

Spero di SI!

Alla prossima!
Tiziana

Entusiasmo terapia

Mi sono imbattuta in un articolo su Natural Style di Barbara Majnoni. Titolo: L'entusiasmo fa brillare la tua vita. Ultimamente si sente molto parlare di felicità, di ricerca di un equilibrio felice, di attimi di gioia! "L'entusiasmo è quello sprint, quel frizzico di energia che ti spinge ad affrontare tutto con forza, fiducia e ottimismo. Un moto spontaneo che si traduce in voglia di fare, ricerca del piacere, maggiore creatività e produttività. A volte ne sei carica, come i bambini. Ma quando si spegne tutto sembra più triste". La parola entusiasmo deriva dal greco e significa: il dio dentro (en: dentro e thèos: dio).
Gli psicologi si accorgono del successo della terapia quando i pazienti lo ritrovano.
L'entusiasmo potrebbe essere definito come sinonimo di gioia, ma con un qualcosa in più: la fiducia. Ci fa affrontare le vicende, fiduciosi che le cose che faremo ci daranno piacere...quindi andranno bene.
Ma per deduzione è vero anche il contrario. L'entusias…