Passa ai contenuti principali

"Non è vero che abbiamo poco tempo: la verità è che ne perdiamo molto" (Seneca)


Torno qui.

In questi mesi di silenzio sono accadute diverse cose.

Brutte e belle, ma siamo ancora qui.

Di nuovo.
Ed ancora.

Ho un gran desiderio di riprendere a scrivere ma di farlo alla vecchia maniera.
Appartengo alla "old school", chi ha un piccolo blog penso possa capirmi.

Vi ricordate com'era prima dell' arrivo di Facebook ed Instagram?

Ci penso da diverse sere.
Come tutto è cambiato!

Da sempre ho un rapporto di amore ed odio con i social.
L'idea di esserne in qualche modo "dipendente" mi infastidisce.
E non poco.

Non ho mai amato le dipendenze.
Non ho mai avuto un vizio.
Non conosco la dipendenza affettiva.
Non mi incantano i richiami "materiali".

Amo la libertà.

Finito il liceo mi sono cercata subito un lavoro part time per avere un mio piccolo stipendio, nonostante potessi permettermi di stare a casa ed essere totalmente mantenuta durante il corso degli studi universitari.

Sono nata così.
Se chiedo a mia madre di descrivermi com'ero da piccina, lei  risponde "Eri una bambina indipendente".
Il mio ritornello era "faccio da sola".

Amo l'indipendenza.

Durante le vacanze estive, trascorse tra le spiagge del litorale Laziale, le montagne del Trentino e le colline della Toscana, mi sono resa conta di quanto fosse forte in me il "bisogno" di collegarmi, essere on line e condividere pezzi della mia vita.

Mi sono chiesta "ma perché?"
E non ho trovato una sola risposta, ma tantissime.
Troppe, forse.

Mi sono fatta anche un'altra domanda, ma che definirei "contraria":

"Coloro che non sono social, perché non lo sono?"
 
Ed anche per questa non ho trovato LA RISPOSTA.
 
I social sono strumenti utili per amplificare ed arricchire la propria conoscenza, grazie ai quali  siamo stimolati continuamente ad esplorare mondi virtuali e reali.

Ma purtroppo non è questo l'unico uso che se ne fa.
Da quando l'aspetto commerciale ha preso il sopravvento molte "dinamiche" sono state alterate.
E falsificate.

Con questo esasperato cambiamento "SOCIAL-e" è arrivata, PER ME, anche la NOIA.
C'è invece chi lo adora, ci crede, ci investe, ci si rivede, lo alimenta e sostiene.
C'è chi in questo cambiamento ha visto la svolta.

In questa fine di Agosto io sono un po' nostalgica, mi mancano i tempi in cui in rete si cercavano blog interessanti, dove si leggevano storie leali, in cui ritrovarsi.
Dove si aspettava che qualcuno passasse di qui a leggere, anche solo per caso e lasciasse un commento.

Mi mancano quei racconti di vita vera, non sponsorizzati e non forzati.
Mi manca la semplicità delle persone.
Mi manca la sincerità delle parole. 
Mi manca l'originalità dei pensieri.
Mi manca il tempo dedicato e disconnesso.

Non è vero che non abbiamo tempo.
Seneca ha ragione, anche questa volta.
Se ne perde molto in sciocchezze.
Se ne perde molto con il cellulare tra le mani.

Io ne ho perso molto.
Mea culpa.

Le mie riflessioni notturne, che portano un po' di luce calda.






A prestissimo, promesso!

Tiziana
 

 
 
 

 
 
 
 







Commenti

Post popolari in questo blog

Meal Prep: un mondo tutto da scoprire e provare

Un mesetto fa, mentre ricercavo on line delle idee da poter copiare per migliorare (impostare da zero) la mia pianificazione della spesa e del menù settimanale, mi sono ritrovata più volta a leggere, soprattutto sui siti stranieri, in particolare Americani, queste due paroline: MEAL PREP.

Incuriosita ho approfondito l'argomento e mi sono lasciata contagiare da un entusiasmo organizzativo.

Cosa vuol dire MEAL PREP.
Cercherò di spiegarla semplicemente: è la preparazione in anticipo di cibo sano, pronto da mangiare per diversi giorni.

Gli strangers arrivano ad organizzare la loro "cambusa" anche per un mese, congelando ovviamente gran parte dei preparati.

Io mi sono limitata ad un massimo di tre giorni.
E devo dire, che ho intenzione di arrivare almeno ad una settimana, congelando qualcosa.

E' stato davvero utilissimo.
Tornare a casa ed avere già il "grosso" fatto mi ha consentito di fare altro e di vivere la preparazione della cena più serenamente, oltre che…

Amanda Cass: The Art of Love, Life and freedom

Da qualche anno mi sono appassionata di illustrazioni.
Le trovo bellissime!
Un genere che prima non mi aveva mai interessato.

Oggi invece sono sempre alla ricerca di nuovi autori, di nuove immagini e storie.
I social sicuramente mi aiutano, permettendomi di arricchire il mio archivio con costanza.

Così ho deciso di presentarvi qualche artista!

Tra le mie preferite c'è sicuramente Lei... Amanda Cass, un'illustratrice Neozelandese.

La sua è davvero Arte di Amore, Vita e Libertà!
Non entro nella "tecnica" perché non mi compete!
Non sono un'esperta, io scelgo le opere da condividere esclusivamente con la "pancia".

Mi piace perché:

I suoi messaggi sono sempre positivi:



I suoi colori rassicuranti:



Le sue linee leggere:

I suoi "consigli" preziosi:







(foto da WEB)

Io l'adoro!
A voi piace?

Spero di SI!

Alla prossima!
Tiziana

Ricordi...di un giorno speciale: il battesimo di Maria

Il 27 Settembre 2014 abbiamo festeggiato il battesimo di Maria.

Io e Pino siamo entrambi cattolici e questo giorno ha rappresentato per noi un evento importante della vita di nostra figlia, per questo abbiamo voluto condividerlo con le nostre famiglie ed i nostri amici.

Eravamo in tanti, quindi è stato molto impegnativo gestire ed organizzare il lavoro, considerando poi che io ero ancora in convalescenza dall'intervento alla colecisti ed avevo  la ferita che "tirava" parecchio.
Ma alla fine, grazia all'aiuto di Pino...mia madre e le mie sorelle, sono riuscita a farcela!

Maria è stata battezzata nella Chiesa del quartiere, perché è qui che crescerà ed è questa la comunità parrocchiale che frequenta e frequenterà.
A Roma certo abbiamo l'imbarazzo della scelta, ci sono delle Chiese bellissime, ma abbiamo preferito così.

La cerimonia è stata piacevole ed allo stesso tempo solenne.
Non pensavo di provare così tanta emozione.

Finita la celebrazione siamo andati al ris…