Imparare dal vento

Vorrei imparare dal vento a respirare, dalla pioggia a cadere, dalla corrente a portare le cose dove non vogliono andare e avere la pazienza delle onde di andare e venire, ricominciare a fluire.

Un aereo passa veloce e io mi fermo a pensare a tutti quelli che partono, scappano o sono sospesi per giorni, mesi, anni in cui ti senti come uno che si è perso tra obiettivi ogni volta più grandi.

Succede perché, in un instante tutto il resto diventa invisibile, privo di senso e irraggiungibile per me, succede perché fingo che va sempre tutto bene ma non lo penso in fondo.

Torneremo ad avere più tempo, e a camminare per le strade che abbiamo scelto, che a volte fanno male, per avere la pazienza delle onde di andare e venire, e non riesci a capire .

Succede perché, in un instante tutto il resto diventa invisibile, privo di senso e irraggiungibile per me, succede anche se il vento porta tutto via con se, vivendo e ricominciare a fluire
ricominciare a fluire
ricominciare a fluire
ricominciare a fluire

(Tiromancino)

 
Da questa mattina è nella mia mente!
Non smetto di cantarla...

Buona giornata a tutti!

Alla prossima

Tiziana



Commenti

  1. Anche io è da stamane che continuo a cantare quella di Jovanotti...Il più grande spettacolo dopo il Big Bang...la sento proprio mia...anzi nostra... (mia e del mio maritino)

    RispondiElimina
  2. Cara Sara...io adoro anche Jovanotti.
    A Luglio sarà a Roma...spero di andare!
    Adrenalina e poesia!
    Mi ci vuole!!!
    Un bacio e grazie mille per i tuoi commenti!
    A presto!
    Tiziana

    RispondiElimina
  3. Ciao! Il tuo blog è MOLTO carino, TI SEGUO!
    http://www.shabbyfreak.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. Anche tu scrivi da Roma!!! :))) E abbiamo anche lo stesso sfondo...

    Ti seguo, spero ricambierai!!! :)))

    http://sweetpinkmacaron.blogspot.com/

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo tempo

Post più popolari