Passa ai contenuti principali

#Smart City 1: HANAMI 2015 a Roma


In tempi di crisi e quindi di ristrettezze economiche, le famiglie devono far quadrare i conti e spaccare il centesimo per poter arrivare a fine mese.

Spesso a risentirne è proprio il tempo per sé, il tempo libero in generale cioè quello da condividere con la famiglia ed i propri figli.

Mi capita di sentire e leggere in giro, on line e non, di iniziative carine che però hanno sempre un costo, quindi non per tutti i portafogli.

E nella comune tendenza “mi rappresenta quello che ho e non ciò che sono” può diventare frustante.

Nel voler superare una superficiale tendenza che sa  di “omologazione forzata” e scontato cliché, la mia curiosa indole, da sociologa mancata, mi ha spinto alla ricerca di “occasioni” piacevoli ed interessanti per le famiglie (e non) a costo zero o quasi, alle quali cercherò di partecipare, principalmente nella mia città, l’Eterna Roma, ma anche spero nel resto della nostra Italia.

Quindi inauguro la mia prima rubrica “SMART CITY” per smart people.

Il primo evento romano, che trovo fantastico e per il quale sono entusiasta come una bambina è (rullo di tamburi) la FIORITURA DEI SAKURA (ciliegi Giapponesi, donati nel 1959 alla città di Roma dal Primo Ministro Giapponese Nobusuke Kishi) ed il rito dell’ HANAMI.

Ebbene sì, non serve andare fino in Giappone.

A giorni infatti sbocceranno, tempo permettendo, i fiori degli alberi della Passeggiata del Giappone, nel quartiere Eur di Roma, nello specifico al Parco Lago.
 
Oltre alla spettacolare vista si potrà dunque partecipare liberamente all’Hanami.
Cos’è? Letteralmente significa “osservazione dei fiori”, ci si ferma ad ammirare questi splendidi alberi consumando un pic-nic, meglio se in compagnia, su teli o tovaglie di plastica/PVC di color azzurro.
Chi vuole può indossare un Kimono, come spesso si usa fare per questi eventi in Giappone.

Amanti e non della cultura nipponica, soprattutto se residenti a Roma, non possiamo perdere questo momento di condivisione particolarmente simbolico.

Il Parco è pubblico e l’ingresso è completamente gratuito.
Non vi è bisogno di prenotazione, è sempre aperto e si può visitare a qualunque orario del giorno e della notte.
La zona è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, bus o metro B - fermata EUR Palasport o EUR Fermi, oltre che con mezzi privati, ma in quest’ultimo caso va considerato la spesa per il pagamento del parcheggio.

Vi è la possibilità di godere del suggestivo panorama anche da un altro punto di vista, facendo un giro in barca, in battello o in pedalò, ovviamente è un'alternativa che prevede un piccolo costo.





Potete trovare tutte le informazioni generali e dettagliate alla pagina Facebook creata per l’evento:
https://www.facebook.com/events/748489541937195/

Colgo l’occasione per segnalare un’altra iniziativa culturale, completamente free e sempre “Japan friendly”, che però purtroppo risulterebbe già sold out, praticamente da subito!
Trattasi delle aperture straordinarie e visite guidate gratuite del Giardino dell’Istituto Giapponese di Cultura, previste dal 12 marzo al 30 maggio.

Prendiamo nota per la prossima volta e teniamo monitorato il sito, perché credo ne valga davvero la pena!

Di seguito il link utile: http://www.jfroma.it/index.php
 
Cosa ne pensate di passare la Pasqua con il naso all'insù ad ammirare la fioritura.
Io ci sto pensando....devo trovare il telo di color azzurro! ;)
 
Alla prossima "buona occasione".
 
Tiziana
 
 
 

 

 

 

Commenti

  1. Adoro questa nuova rubrica. Mi verrebbe voglia di prendere un low cost e vederci a Roma per un pic nic sul prato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Sara, sono contenta che ti piaccia!
      Sarebbe bellissimo...lo sai! Ma prima o poi accadra'!
      Io ti aspetto! Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Grazie per il tuo tempo

Post popolari in questo blog

The Truman Show 3.0

In questi giorni mi è venuta voglia di rivedere il film "The Truman show", è  del 1998 diretto da Peter Weir e interpretato da Jim Carrey.

Ispirato alla moda allora nascente (in America) di raccontare la vita in TV attraverso i reality show, immaginando una situazione paradossale, portata all'estremo (dalla quale sono nate riflessioni filosofiche ed analisi sociologiche), The Truman Show raccontava, grazie ad una  trasmissione in diretta continua la vita di un uomo, appunto Truman.


Ve lo ricordate?

Nel 2016 siamo ben oltre il fenomeno Reality Show, ma alcune dinamiche di questa pellicola le sento ancora più attuali, per questo voglio rivederlo.

Oggi nel mondo dei social l’asticella di cosa è accettabile in termini di privacy si è alzata, oltre Facebook che ha davvero rivoluzionato il mondo ed il modo di relazionarsi degli esseri umani, esistono diverse app che ci consentono di condividere le nostre vite IN DIRETTA, attraverso un mezzo che ormai abbiamo tutti, il nostro …

Entusiasmo terapia

Mi sono imbattuta in un articolo su Natural Style di Barbara Majnoni. Titolo: L'entusiasmo fa brillare la tua vita. Ultimamente si sente molto parlare di felicità, di ricerca di un equilibrio felice, di attimi di gioia! "L'entusiasmo è quello sprint, quel frizzico di energia che ti spinge ad affrontare tutto con forza, fiducia e ottimismo. Un moto spontaneo che si traduce in voglia di fare, ricerca del piacere, maggiore creatività e produttività. A volte ne sei carica, come i bambini. Ma quando si spegne tutto sembra più triste". La parola entusiasmo deriva dal greco e significa: il dio dentro (en: dentro e thèos: dio).
Gli psicologi si accorgono del successo della terapia quando i pazienti lo ritrovano.
L'entusiasmo potrebbe essere definito come sinonimo di gioia, ma con un qualcosa in più: la fiducia. Ci fa affrontare le vicende, fiduciosi che le cose che faremo ci daranno piacere...quindi andranno bene.
Ma per deduzione è vero anche il contrario. L'entusias…

Una coccola serale: il cuscino Svedese

E' da tempo che volevo acquistare una borsa d'acqua calda.
Durante l'inverno l'idea di utilizzarla mi sembrava molto hygge! ;)

Inoltre la mia operatrice shiatsu, durante uno dei miei trattamenti, mi ha praticato la moxa, riscaldandomi una parte specifica dietro la schiena, quasi tra le scapole, da lei definita la "porta del vento".
Il piacere è stato immediato.
Ho scoperto che questo punto è per me molto sensibile, tanto che oggi faccio un uso più frequente di una pashmina  per coprirlo.


Quasi per caso ho trovato questa bellissima borsa dell'acqua calda!
Grigia e stellata, direi perfetta!
Inoltre utilizzabile al microonde!
Presa in super offerta!



In verità, ne ho prese due, con fantasie diverse, ma una l'ho regalata! ;)



Una volta tornata a casa, aprendo la confezione, ho scoperto che in questa borsa d'acqua calda non ci va l'acqua!
In effetti sulla confezione c'è scritto che contiene del grano e lavanda, ma non immaginavo che avesse solo …